COMUNICATO STAMPA

 

 

Il Paniere del Nonno

 

Nell’ambito dei lavori dell’Assemblea Organizzativa dell’Fnp-Cisl ( Federazione Nazionale dei Pensionati ) della provincia di Ravenna svolti a Faenza il 14 maggio u.s. ha trovato conferma la linea nazionale del sindacato Pensionati Cisl sul tema della difesa del potere d’acquisto delle pensioni, tanto caro, in tutti i sensi, agli anziani.

 

Si tratta di alcune proposte originali interessanti quali:

 

-         La individuazione di  un paniere Istat ad hoc che tenga conto dei consumi e dei servizi tipici della popolazione anziana; l’indice di rivalutazione pensionistico che se ne ricaverà sarà rispondente alla reale inflazione subita dai titolari di pensione;;

-         l’attribuzione a tutti i pensionati di un reddito minimo vitale pari a 516 euro;

-         la rivalutazione trimestrale delle pensioni fino a 10.000 euro annui;

-         una ulteriore  rivalutazione periodica ( da contrattare ogni due o tre anni ) delle pensioni in base all’andamento della ricchezza nazionale ( PIL )

-         l’apertura a livello locale di vere e proprie vertenze con gli enti locali su fisco, tariffe e prezzi amministrati per contenere l’erosione dei redditi pensionistici.

In particolare si intende mettere in discussione, a partire dai prossimi bilanci comunali, la destinazione dei proventi derivanti dalla addizionale locali Irpef su pensioni.

 

Questa è la proposta che la Fnp-Cisl avanza ai propri iscritti, a tutti i pensionati, ai  cittadini agli altri sindacati per dimostrare che gli anziani non possono continuare a subire l’erosione del proprio reddito, sempre più striminzito, e che anche loro, come tutte le altre istanze sociali vogliono essere protagonisti del proprio futuro.

 

Ravenna 16 maggio 2003

 

( Franco Andrini, segretario provinciale Fnp-Cisl )