FNP Nazionale
 

 

Ravenna

Lugo

Faenza

Servizi e convenzioni

Servizi per il lavoro

Tempo libero

Convenzioni locali

Regolamento      Programmi    Programma Congressi di Lega

Home

2005    Anno del Congresso

 

 

 

 

Il 5 e 6 aprile 2005 si terrà a Cervia il Congresso provinciale della

 Fnp-Cisl.

 

E’ un avvenimento di straordinaria importanza per la vita democratica del Sindacato, da cui dipende l’avvenire della nostra Organizzazione, nel momento in cui siamo chiamati a fare un bilancio dell’attività svolta, ad individuare le linee guida della politica sindacale per il prossimo quadriennio e ad esprimere la classe dirigente che dovrà guidare la Fnp e la Cisl.

 E’ un fatto positivo presentarsi all’appuntamento ancora più numerosi rispetto alla precedente tornata congressuale del 2001, da cui dobbiamo trarre energie e convinzioni per migliorarci e contare di più.

La dirigenza provinciale esprime a tutte le donne e uomini iscritti alla Fnp un sentito ringraziamento per la fiducia e l’attaccamento dimostrati verso l’Organizzazione in un momento di grande impegno per consolidare il  ruolo del Sindacato Pensionati come insostituibile punto di riferimento nella definizione delle politiche sociali riguardanti la popolazione anziana.

Siamo consapevoli delle responsabilità che tali affermazioni comportano, così come siamo convinti che, se vogliamo ottenere risultati positivi, non possiamo isolarci ma ricercare costantemente il confronto e la comprensione di tutte le componenti del movimento sindacale e soprattutto delle forze attive del mondo del lavoro, con le quali occorre misurarsi non in una ottica competitiva ma di ricerca di consenso, indispensabile per avere le carte in regola per partecipare ai processi decisionali sul nostro futuro.

L’anno trascorso ci ha purtroppo lasciato drammatiche eredità di livello planetario, di cui non siamo ancora in grado di valutare appieno le conseguenze, mentre avvertiamo per intero il disagio di uomini piccoli e inermi di fronte ai misteri della natura che osiamo costantemente sfidare.  Eppure la grande solidarietà che, indipendentemente dalle latitudini si sta manifestando, è di per sé un segnale positivo che rivela quanto nella natura umana ci sia ancora di buono.

Come rappresentanti sindacali, anche se il pensiero è turbato dagli avvenimenti che ci circondano, abbiamo comunque il dovere di non dimenticare mai le motivazioni per le quali siamo stati eletti, a partire dalla difesa degli interessi della nostra gente ed, a questo riguardo,  non abbiamo difficoltà ad ammettere che il 2004 è stato inferiore alle attese.

Abbiamo però molto seminato; tanto che le nostre richieste più importanti sono diventate anche patrimonio di rivendicazione confederale, cioè di tutto il movimento sindacale e quindi vogliamo essere moderatamente ottimisti per il futuro, anche perchè siamo convinti che i rapporti con chi ha la responsabilità di governo del paese dovranno per forza mutare,  in quanto in uno stato moderno non è più ammissibile ignorare l’esistenza dei corpi intermedi della società di cui l’associazionismo ed il sindacato sono componenti insostituibili.

Ma alla base di ogni futuro successo rimane la capacità del sindacato di fare sintesi delle varie istanze, di saper cogliere le priorità e di promuovere consenso dentro e fuori l’Organizzazione.

Per questo motivo abbiamo fatto della partecipazione il motivo dominante della imminente tornata congressuale, in cui avremo anche occasione di  riaffermare i valori ispiratori della Cisl in generale, e della Fnp in particolare, indissolubilmente legati alla difesa della persona, della famiglia e della  comunità in una Organizzazizone libera, autonoma e democratica.

       L’invito a tutti gli iscritti, con una particolare menzione della componente femminile di cui avvertiamo spesso una presenza non adeguata nei consessi sindacali, è quello di vivere l’opportunità del Congresso non solo come evento rituale, ma soprattutto come occasione di partecipazione attiva alla vita dell’organizzazione attraverso l’esercizio del diritto-dovere di libera e democratica espressione delle proprie idee.

                                        

Franco Andrini

Segretario generale

                                                                                             

 

Inizio

Programma                                                                                                                           Regolamenti