FNP Nazionale
 

 

 

HOME

FAENZA

LETTERA APERTA DELLA FNP-CISL  SULL’ESTATE DEI RICOVERATI NELLA CASA PROTETTA DELLE OO.PP.RR. DI FAENZA.

 

 

L'estate del 2003 ha portato alla "scoperta" che gli anziani, quando fa caldo, sono a rischio.
Gli anziani sono a rischio sia d'estate che d'inverno, e lo erano anche prima del 2003, ma è bello vedere la "mobilitazione" in atto per salvarli dal caldo, magari invitandoli all'aria condizionata dei super mercati.
La cosa sembra quasi strumentale, ma certamente vera è la sofferenza di coloro che sono costretti all'immobilità per ragioni invalidanti, e fra questi i ricoverati nelle Case protette.
In queste strutture ci sono tante persone allettate che vivono 24 ore su 24 senza potersi muovere.
Cerchiamo di immaginare la loro sofferenza quando la temperatura si avvicina ai 40°.
E' un dovere per noi pensionati della CISL unirci ai parenti dei ricoverati per stigmatizzare la situazione nella Casa Protetta di Viale Stradone.. In quella struttura il caldo e il freddo sono sempre stati un problema. Ricordiamo ancora molto bene le tante volte che abbiamo reclamato. Poi si cominciò a discutere, almeno così l'abbiamo vissuta noi gente comune, se fosse meglio un edificio nuovo oppure la ristrutturazione del vecchio.
Finalmente cominciarono i lavori che comunque dovevano portare ad una sistemazione ottimale.
A lavori terminati ci troviamo con gli stessi problemi.
E' inaccettabile che in una struttura di recente ristrutturazione come quella delle Opere Pie di Viale Stradone non sia stata installata e, pare, nemmeno predisposta l'aria condizionata.
Come è potuto accadere? Di chi la responsabilità? Qualcuno ci ha detto: "non era un obbligo".
Ma non può essere solo l'obbligo il discriminante in materie così delicate. Se è stato per risparmiare, si doveva economizzare su altro. Una dimenticanza no, sarebbe imperdonabile.
E allora?
Non si può supplire con dei ventilatori, che sono fastidiosi e a volte anche dannosi, e nemmeno con apparecchi portatili. Questi sono "rimedi" da vecchie strutture inefficienti. Quanto è costata quella ristrutturazione?
Bene i colori, bene i giardini, ma prima di tutto si doveva pensare al benessere degli ospiti.

FAENZA      HOME